ROSSA DI RABBIA

11 05 2008


Sinceramente nel circo della politica mi sembra tutto vecchio. Se si votasse fra due o tre anni, la candidata premier potrebbe essere la Brambilla

Silvio Berlusconi, 10 maggio 2007

Se si votasse fra due tre o anni…”. E invece il governo Prodi è caduto prima. Le elezioni del 13 e 14 aprile 2008 sono state stravinte dal Popolo delle Libertà di Silvio Berlusconi. E la Brambilla? Da premier in pectore (fra due o tre anni, mica prima) è stata declassata a ministro. Al Welfare prima, poi alle Pari opportunità. All’Attuazione del programma, all’Ambiente. Solo sui giornali però, perché nella realtà quando il Governo giura della Rossa (ormai di rabbia) non c’è neanche l’ombra. Allora, che si fa? Può andare bene la delega alla Sanità? No, pare di no. Facciamo al Turismo? Boh, chissà. Intanto per MVB l’unico posto sicuro è quello nel governo penombra di Alessandra Mussolini. Per intenderci: quello dei trombati.

Annunci

Azioni

Information

One response

13 05 2008
rosso marziano

Maggio 2007 politicamente parlando è più lontano di quanto non si possa pensare, più lontano dello sbarco su Marte.
Tante cose son cambiate, alcuni prima c’erano ed ora non ci sono più, altri prendevano le distanze, oggi sono in procinto di sciogliersi.
L’unica a sostenere il progetto unico era la rossa in auto-reggenti, che s’impegnava a portare forza italia-bis oltre il 40%.
I pesi politici ora si sono giustamente riequilibrati, alla luce di un risultato elettorale ottimo, ma difficilmente quantificabile nell’apporto del movimento brambilliano. ancora una volta è stata la classe politica di centro-destra e le scelte berlusconiane a trainare il forte successo pdl, ma non a farlo strabordare oltre l’ambizioso 40%.
Le anzianità di partito (sano principio di militanza, non è che il primo che passa, senza una storia di impegno possa essere messo sul piedistallo, e quelli che si fanno il mazzo a spazzar con la vecchia ramazza) hanno quindi ripreso la loro giusta importanza e peso, e chi quando si mangiava pane e cipolla, rinunciava al pane, è stato premiato.
Questo ha fatto sì che oggi comunque la Brambilla sia sotto-segretario alla presidenza del consiglio con delega al Turismo (non al basilico nè ai campi di grano), in un governo senza ancora viceministri. Se la brambilla è da considerarsi trombata, allora marte è davvero dietro l’angolo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: