NON C’E’ PIU’ TEMPO

17 04 2008

“È tardi! È tardi! Sono in ritardo, in arciritardissimo!”. Queste parole non vi dicono niente? Forse non avete mai visto Alice nel Paese delle Meraviglie. C’è un personaggio che va sempre di fretta e non stacca mai gli occhi dall’orologio. E’ il Bianconiglio.

 

Ecco, mi sono trasformato nel Bianconiglio. Non scrivo sul blog da quasi tre settimane e non perché non abbia trovato spunti, anzi.  Gli ultimi giorni di campagna elettorale, l’esito delle stesse elezioni, le centinaia di notizie curiose che mi sono passate davanti seguendo il flusso interminabile di informazioni che offrono le agenzie di stampa, i giornali, le televisioni: tutto questo, parte di questo, avrebbe meritato di essere ripreso sul blog. Ma non c’è tempo.

 

Ci sono Elvira e Nicola (e forse a loro di tempo dovrei dedicarne ancora di più). Ci sono i parenti e gli amici (e forse a loro di tempo dovrei dedicarne un po’di più). C’è il lavoro. E poi ci sono i treni, i taxi, i tram, gli autobus, le metropolitane da cui salgo e scendo. Ci sono le bollette da pagare, la spesa da fare,  la domanda di iscrizione per l’asilo nido e il 730 da presentare, l’Isee da calcolare,  l’Inpgi da chiamare, una baby sitter da trovare. E ancora:  i capelli da tagliare, la doccia da fare, il pavimento da lavare, le camicie da stirare, il pranzo da cucinare.

 

Guardo Nicola che gioca con un pupazzetto seduto sul seggiolone. Per lui il tempo è l’intervallo tra una poppata e l’altra, tra un sonnellino e un bagnetto. Beato lui. Non avere fretta di crescere, piccolo! Perché poi sarai costretto ad andare come me, troppo di fretta. E quando ti fermerai, anche solo per un attimo, avrai l’impressione di stare buttando via il tuo tempo.

Annunci




CAMERIERE, PUO’ CAMBIARMI LA BIC?

9 02 2008

dinink1.jpg

“Presto le penne avranno un  motivo in più per essere mangiucchiate”: è la promessa degli Zo_loft, un gruppo di giovani appassionati di architettura e design che ha  conquistato il primo posto al concorso “Dining in 2015”, dedicato alla ricerca di soluzioni per il pranzo del futuro. Loro hanno inventato dei tappi di penna con un supporto a forma di posata. “Quelle di plastica sono troppo fragili”, spiegano.  Parole sante.  Per me, che uso quasi esclusivamente Bic e che spesso pranzo in redazione, questi tappi sono davvero una genialata.





MI ASSENTO UN ATTIMO

18 01 2008

p10106.jpg

Dipendente statale licenziato per assenteismo. Caspita: è una notizia! E proprio qui sta lo scandalo. Che ciò che dovrebbe essere normale diventi un’eccezione, qualcosa che colpisce la nostra attenzione, che ci stupisce.Ricordo di alcuni controlli fatti qualche anno fa negli uffici comunali di Mazara.Gli impiegati? Chi era fuori per fare la spesa, chi per andare a prendere la figlia che usciva da scuola. Sono ancora tutti al loro posto. Anzi, forse sono fuori. A fare la spesa o magari ad accompagnare alla fermata dell’autobus per Palermo la loro figlia che ora frequenta l’università.